SpeSì

Pasta con pesto e gamberi

Far rosolare in una padella capiente le code di gambero con olio e aglio. Tagliare i datterini e mettere da parte.
Sfumare i gamberi con il vino bianco e successivamente unire i datterini. Aggiungere sale e pepe e cuocere il tutto per 10 minuti.
Cuocere la pasta in acqua salata e scolarle al dente, tenendo da parte un po’ di acqua di cottura. Aggiungere in padella la pasta appena scolata e unire il pesto, tenendo il tutto sul fornello a fuoco medio. Amalgamare gli ingredienti e, se dovesse risultare troppo asciutto, aggiungere un po’ di acqua di cottura.

Crostata ricotta e amarene

Lavorare insieme la farina con zucchero, sale e burro a dadini amalgamando bene il tutto. Aggiungere poi l’uovo e il tuorlo continuando ad amalgamare fino ad ottenere un composto omogeneo. L’impasto così ottenuto deve riposare in frigo, coperto da pellicola trasparente, per circa 30 minuti. Intanto si procede con la farcia lavorando con una frusta la ricotta e lo zucchero a velo. Aggiungere alla ricotta anche due cucchiai di amarene. Trascorso il tempo necessario bisogna stendere la frolla e posizionarla in uno stampo per crostate di circa 20-22 cm di diametro, lasciando 1/4 circa dell’impasto da parte. Forare con una forchetta la base della crostata e in seguito versare la farcia distribuendola in modo omogeneo. A questo punto, con la pasta frolla messa da parte, creare delle striscioline di larghezza 2-3 cm e posizionarle incrociate sopra la crostata. Negli spazi rimasti senza frolla in superficie, adagiare le amarene rimaste con tutto lo sciroppo. Infine cuocere in forno preriscaldato per 40-45 minuti.

Frittata di Zafarani

In una pentola, portare l’acqua ad ebollizione, aggiungere un po’ di sale e poi i pezzettini di peperoni.
Dopo 2 minuti scolare i peperoni.

Nel frattempo sbattere le due uova con un po’ di sale.

In una padella si rosola l’aglio con l’olio (qb).
Una volta dorato l’aglio, si aggiungono i peperoni scolati.
A questo punto si toglie l’aglio.

I peperoni non devono essere croccanti, ma morbidi e dolci.

A questo punto si aggiungono le uova sbattute ai peperoni, e si mescola un po’ per distribuire bene i peperoni.

Cuocere a fuoco medio, e una volta cotta bene la base, la frittata si gira per cuocere l’altro lato.

Terminata la cottura del secondo lato, la frittata di Zafarani è pronta!

Zuppa di castagne e ceci

Per prima cosa bisogna mettere a bagno i ceci secchi per circa 24 ore.
Una volta trascorso il tempo necessario, si procede sciacquandoli e mettendoli in una casseruola con una foglia di alloro, aggiungendo acqua fredda a filo (dovrebbero essere sufficienti 1,2-1,3 litri). Quindi si cuoce il tutto per circa 60 minuti dal momento in cui l’acqua arriva al bollore.
Per preparare le castagne invece si procede facendo un’incisione sul dorso di ognuna e lasciandole in ammollo per almeno 2 ore. A questo punto si trasferiscono in una pentola sufficientemente capiente con acqua a filo e qualche foglia di alloro e si procede con la cottura per circa un’ora. A cottura ultimata le castagne vanno sbucciate e messe da parte.

Una volta completata la cottura di castagne e ceci si procede mettendo in una casseruola l’olio e lo spicchio d’aglio a soffriggere. Quindi si aggiungono le castagne e i ceci, girando frequentemente per farle rosolare su tutti i lati. Si aggiunge poi l’acqua a filo, il dado e il rosmarino lasciando cuocere per un’ora.
A seconda dei gusti si può, a cottura ultimata, tritare con un minipimer metà della zuppa, per ottenere una vellutata.
Impiattare mettendo prima la crema ottenuta e sopra alcune delle castagne e dei ceci rimasti interi. Completare con un filo d’olio e un po’ di rosmarino.

Pollo con mele e curry

Lavate e sbucciate la mela e tagliatela a pezzetti.
Scaldate in un tegame antiaderente l’olio e il burro, quindi aggiungete la mela a pezzetti e fate rosolare bene.
Intanto tagliate il pollo a bocconcini e in un altro piatto amalgamate la farina con il curry in polvere.
Passate nella farina al curry i pezzetti di pollo.
Quando la mela sarà sufficientemente rosolata (ci vorranno circa 10-15 minuti) unite i bocconcini di pollo e fateli rosolare da tutti i lati.
A questo punto salate il tutto, date una mescolata e poi versate nel tegame il latte poco alla volta, per creare una salsa. Fate cuocere a fiamma moderata per altri 5 minuti.
Impiattate il vostro pollo al curry con le mele e servite caldo.
Se lo gradite è possibile accompagnare questo piatto con del riso bianco lessato e poi tostato!

Tortino al cioccolato con cuore caldo

Per realizzare il tortino di cioccolato con cuore fondente per prima cosa sciogliete il cioccolato a bagnomaria insieme al burro, mescolando continuamente. Una volta sciolto, lasciatelo raffreddare fino alla temperatura di 30°. Se non avete un termometro potete lasciarlo a temperatura ambiente per circa 20-25 minuti. Nel frattempo imburrate e infarinate stampini di alluminio.
Quando avrà raggiunto i 30°, trasferite il composto di burro e cioccolato in un mixer con lame di acciaio. Mentre il mixer è in funzione unite lo zucchero all’interno e aspettate che sia ben amalgamato, poi versate a filo le uova sbattute.
Quando anche le uova saranno state assorbite aggiungete la farina e continuate a frullare per ottenere un composto liscio e omogeneo. Riempite gli stampini con 70 g di composto l’uno, aiutandovi con un sac-à-poche o un cucchiaio; il composto dovrà arrivare a circa due terzi dello stampino.
Mettete gli stampini in congelatore per almeno 6 ore, meglio se per una notte intera. Quando i tortini saranno congelati, disponeteli in una teglia e cuocete in forno ventilato preriscaldato a 200° per 7 minuti, sul ripiano medio.
Trascorso il tempo di cottura, sformateli delicatamente capovolgendo gli stampini sul piatto, poi spolverizzate con zucchero a velo e servite subito il vostro tortino di cioccolato con cuore fondente.

Tiramisù

Per preparare il tiramisù cominciate dalle uova (freschissime): quindi separate accuratamente gli albumi dai tuorli, ricordando che per montare bene gli albumi non dovranno presentare alcuna traccia di tuorlo. Poi montate i tuorli con le fruste elettriche, versando solo metà dose di zucchero. Non appena il composto sarà diventato chiaro e spumoso,
e con le fruste ancora in funzione, potrete aggiungere il mascarpone, poco alla volta. Incorporato tutto il formaggio avrete ottenuto una crema densa e compatta; tenetela da parte. Pulite molto bene le fruste e passate a montare gli albumi versando il restante zucchero un po’ alla volta.
Dovrete montarli a neve ben ferma; otterrete questo risultato quando rovesciando la ciotola la massa non si muoverà. Prendete una cucchiaiata di albumi e versatela nella ciotola con i tuorli e lo zucchero e mescolate energicamente con una spatola, così stempererete il composto. Dopodiché procedete ad aggiungere la restante parte di albumi, poco alla alla volta mescolando molto delicatamente dal basso verso l’alto.
Una volta pronto, distribuite una generosa cucchiaiata di crema sul fondo di una pirofila da 30x20cm e distribuite per bene. Poi inzuppate per pochi istanti i savoiardi nel caffè freddo già zuccherato a vostro piacimento (noi abbiamo aggiunto solo 1 cucchiaino di zucchero),
prima da un lato e poi dall’altro. Man mano distribuite i savoiardi imbevuti sulla crema, tutti in un verso, così da ottenere un primo strato sul quale andrete a distribuire una parte della crema al mascarpone.
Anche in questo caso dovrete livellarla accuratamente così da avere una superficie liscia. E continuate a distribuire i savoiardi imbevuti nel caffè, poi realizzate un altro strato di crema.
Livellate la superficie e spolverizzatela con del cacao amaro in polvere e lasciate rassodare in frigorifero per un paio d’ore. Il vostro tiramisù è pronto per essere gustato!

Pollo arrosto

Per preparare il pollo arrosto, per prima cosa legate il pollo in modo che dopo la cottura mantenga la forma. Prendete un elastico per cottura in forno, giratelo intorno alla parte finale delle coscette, stendetelo e giratelo dietro al petto, in modo da tenerlo fermo.
Versate in un mixer il sale grosso, aggiungete l’alloro e le altre erbe aromatiche: rosmarino, salvia e origano fresco. Unite anche 2 spicchi d’aglio pelati.
Frullate il tutto e trasferite il composto in una ciotolina. Prendete il pollo e sistematelo in una pirofila da forno. Spennellate o massaggiate la superficie del pollo da entrambi i lati con olio extravergine d’oliva.
Ricoprite con il trito aromatico, massaggiando con entrambe le mani su tutti i lati per farlo aderire bene. Condite anche l’interno del pollo con il trito aromatico.
Cuocete il pollo in forno statico preriscaldato a 180° per circa un’ora. Di tanto in tanto nappate il pollo con il suo fondo di cottura. A metà cottura, tirate fuori dal forno il pollo e giratelo dall’altra parte, in modo che la cottura sia uniforme da entrambi i lati . Proseguite la cottura, nappando il pollo di tanto in tanto con il fondo. Trascorso il tempo di cottura, sfornate e servite il vostro pollo. Per assicurarvi che sia ben cotto potete misurare la temperatura al centro della coscetta, dovrà essere di 72°.

Rustici con wurstel

Per preparare i rustici ai würstel srotolate il primo rotolo di pasta sfoglia, con la sua carta forno, sul piano da lavoro in modo che i lati corti della pasta si trovino alla vostra destra e sinistra. Spalmatevi sopra un po’ di senape in uno strato sottile, senza eccessi o fuoriuscirà durante la cottura. Tagliate a metà in verticale con un coltello affilato. Adagiate un würstel sulla prima metà e arrotolatelo completamente nella pasta. Procedete in questo modo anche con la metà di sfoglia restante. Otterrete due cilindri di würstel e pasta. Ripetete l’operazione con la pasta sfoglia e i würstel rimanenti.
Tagliate ciascun rotolo in fette di circa 3 cm di larghezza e disponetele su una teglia foderata con carta forno. Spennellate con l’uovo leggermente sbattuto e cospargete con i semi misti a piacere.
Cuocete nel forno già caldo a 200° per 15-20 minuti o comunque fino a leggera doratura. Sfornate i rustici ai würstel, lasciateli intiepidire, quindi serviteli.

Ravioli di ricotta con crema di zucca

Impastate gli ingredienti per la pasta procedendo come per una normale pasta all’uovo. Quando l’impasto sarà pronto, avvolgetelo in un foglio di pellicola e fatelo riposare per 30 – 40 minuti in frigo.
Intanto che l’impasto riposa, lavorate la ricotta con un cucchiaio di legno ed aggiungete le foglie fresche di maggiorana ed infine il caciocavallo grattugiato. Mescolate ancora in maniera da amalgamare per bene tutto il ripieno. Se il composto dovesse risultare troppo consistente da lavorare aggiungete pochi cucchiai d’acqua calda in maniera da ammorbidirlo.
Ultimata la preparazione del ripieno, tirate fuori da frigorifero la pasta all’uovo e con il matterello (o con l’aiuto dell’apposita macchinetta) tiratela in una sfoglia abbastanza sottile.
Tagliate la sfoglia in strisce di circa 10 – 12 cm di larghezza, e ad intervalli regolari posizionate al centro un cucchiaio di ricotta.
Richiudete la striscia di sfoglia ripiegandola su se stessa e fate una leggera pressione sulla sfoglia con il dito intorno al ripieno in modo da far uscire l’aria all’interno dei ravioli. In questo modo non esploderanno in cottura.
Con un coppapasta ricavate i singoli ravioli e premete bene con i rabbi di una forchetta i loro bordi.
Sistemate i ravioli pronti in un canestro ricoperto da un tovagliolo infarinato.
Tagliate la polpa di zucca a dadini.
Tritate la cipolla quanto più sottilmente possibile, quindi soffriggetela in olio già cado.
Unite i dadini di zucca e fateli rosolare.
Sminuzzate il timo ed unitelo alla zucca, quindi aggiungete il brodo bollente e fate stufare per 15 – 20 minuti.
A fine cottura, frullate la zucca insieme al caciocavallo. Aggiustate di sale e pepe e mescolate bene il tutto.
Unite la panna e lasciate addensare. Spegnete e tenete da parte.
Portate ad ebollizione abbondante acqua salata e fate lessare i ravioli.
Appena i ravioli saranno cotti, scolateli, distribuiteli nei piatti individuali, conditeli con la crema di zucca e servite immediatamente con una generosa spolverata di caciocavallo.

Contattaci

Condividi con noi la tua ricetta!